Marco Valeri

Lavorare nel Regno Unito nel 2024: guida completa al visto

  • Autore: Marco Valeri
  • Pubblicato il: 15-05-2024
  • Ultima modifica: 15-05-2024
  • Commenti: 0

Lavorare nel Regno Unito nel 2024, Inghilterra e Londra incluse quindi, è decisamente più difficile ma non impossibile ed in questa guida ti fornirò tutte le informazioni necessarie per riuscire in questo intento se è quello che vuoi veramente.

 

Le nuove leggi sull’immigrazione del Governo del Regno Unito, quelle attuate dopo la Brexit, complicano la situazione per gli stranieri, cittadini dell’Unione Europea e non, che stanno cercando un posto di lavoro nel Regno Unito.

Mentre prima si poteva partire per questo territorio con il primo aereo e cercare lavoro una volta sul posto, oggi è necessario varcare il confine con un permesso per poter entrare nel suo mondo del lavoro.

E dato che il Regno Unito, in particolare l’Inghilterra e Londra, offrono tante opportunità professionali, vediamo di capire come è possibile ottenere un visto di lavoro.

 

Non ce n’è bisogno ma facciamo chiarezza, fanno parte del Regno Unito: Inghilterra, la Scozia ed il Galles, quindi per lavorare in uno di questi tre paesi e nella tanto ambita capitale di Londra, hai bisogno di un visto per il Regno Unito, conosciuto anche come visto UK, ovvero dell’United Kingdom.

Quindi, questa è una guida per chi vuole lavorare in questo territorio, nella quale ho voluto aggiungere molte informazioni a come lavorare a Londra dato che è la città in cui vivo da tanti anni e dato che è la metropoli a cui molte persone ambiscono ancora nel 2024.

 

Entriamo subito nel vivo della questione andando a vedere cosa ci aspetta quest’anno per chi ha voglia di trasferirsi a vivere e lavorare nel Regno Unito.

 

 

Lavorare nel Regno Unito nel 2024

Lavorare nel Regno Unito dopo Brexit: è ancora possibile? Per ottenere un lavoro in questo territorio nel 2024 c’è bisogno di un visto per lavorare in UK.

 

Proprio così, non è più possibile prendere un aereo, arrivare nella città di Londra e mettersi a cercare lavoro.

Le cose sono decisamente cambiate negli ultimi anni, creando anche un certa confusione per i cittadini dell’Unione Europea e per gli stessi abitanti dell’United Kingdom.

Questo aspetto ha scoraggiato tantissime persone che avevano il Regno Unito, in particolare Inghilterra e Londra, come sogno nel cassetto.

Bene, ti posso dire che è tutto vero, è più difficile trasferirsi a lavorare in questo territorio ma allo stesso tempo posso dirti che non è impossibile.

 

Lavoro nella città di Londra da tantissimi anni, dal lontano 2015.

Nonostante la Brexit, le crisi internazionali e l’inflazione che si è abbattuta nei paesi occidentali, il Regno Unito, in particolare la città di Londra, è alla ricerca di diverse figure professionali per le quali si fa fatica a trovare forza lavoro all’interno dei confini nazionali.

Io, ad esempio, lavoro nel campo dell’informatica, come programmatore, e molte aziende nel mio settore offrono visti di lavoro.

In una delle ultime aziende in cui ho lavorato come sviluppatore, eravamo circa 15 persone ed a 3 di queste è stato offerto il visto dato che il proprietario dell’azienda faceva fatica a trovare diverse figure professionali, rispettivamente: due programmatori e una project manager.

Come vedi, le opportunità ci sono ma sono più selettive e difficili da trovare.

 

Quindi posso dirti che le nuove leggi sull’immigrazione del Governo del Regno Unito tendono a favorire le professioni qualificate ma non solo.

Negli ultimi anni sono tanti gli stranieri che hanno ottenuto un visto di lavoro per il Regno Unito in quei settori dove c’è carenza di manodopera, come ad esempio nel settore ospedaliero che in questo territorio si chiama NHS - National Health Service, azienda pubblica che fa oggi fatica a trovare infermieri per i quali è possibile richiedere un visto di lavoro.

A questi ultimi due si sono uniti i visti per lavori stagionali e non solo, scopriamo meglio nel paragrafo che segue questi aspetti.

 

Visto per lavorare nel Regno Unito: come ottenerlo?

Visto per lavorare nel Regno Unito: come ottenerlo? Per ottenere un visto di lavoro per il Regno Unito devi ricevere un’offerta di lavoro (sponsorship) da un’azienda (sponsor) che soddisfa i requisiti legali per assumerti in questo territorio.

Questo è il primo passaggio fondamentale per andare a lavorare in UK, in Inghilterra e Londra. Non importa di cosa ti occupi, per fare la richiesta di un visto di lavoro in questo paese devi trovare uno sponsor, ovvero qualcuno disposto ad offrirti un visto per lavorare nel Regno Unito.

 

Come fare? Bene, come prima cosa è possibile controllare il sito ufficiale del Governo del Regno Unito alla sezione lavorare in UK, nel quale sono elencati tutti i tipi di visto che è possibile richiedere per lavorare in questo paese.

 

Nel 2024, i visti maggiormente offerti sono quelli legati alle:

  1. Professioni altamente qualificate (Skilled Worker Visa)
  2. Professioni legate al settore sanitario (Health and Care Worker Visa)
  3. Professioni in cui c’è carenza di manodopera

 

Come ottenere un visto all’atto pratico? Da quando la Brexit è stata attuata ho avuto modo di lavorare con persone provenienti da diverse parti del mondo (Italia, India, Bangladesh, Brasile) che sono riuscite ad ottenere un visto per lavorare nel Regno Unito, in particolare nella città di Londra.

Per tutti loro il punto di partenza è stato trovare uno sponsor, ovvero un’azienda disposta ad assumerle.

Le piattaforme digitali migliori per trovare un potenziale datore di lavoro disposto ad assumerti in UK oggi come oggi sono LinkedIn e Indeed UK.

Qui è dove puoi trovare la tua possibilità per varcare i confini del Regno Unito con tutte le carte in regola.

 

Se sei una persona che lavora nel campo medico, ti consiglio di vedere le offerte di lavoro di NHS. Da questo punto di vista, considera anche di cambiare carriera, magari cominciando a studiare come infermiere per poi entrare con questa professione nel Regno Unito, potresti anche considerare di ottenere un visto per studiare nel Regno Unito.

 

Lavoro in questo paese da diversi anni, cosa ti consiglio?

Come prima cosa fai un account su LinkedIn e su Indeed in inglese.

Per favore, ci sono ancora persone che mi scrivono che stanno provando a mandare i curriculum in italiano alle aziende italiane: non funziona.

Se vuoi venire a lavorare in questo territorio, l’inglese sarà la lingua con cui ti trovai relazionare fin a subito e con la quale dovrai affrontare tutti i passaggi per ottenere un visto per lavorare (tra cui un test di inglese come vedremo nel paragrafo che segue).

Quindi, come prima cosa hai bisogno di rifare tutto il tuo curriculum in inglese e poi aprire un profilo su LinkedIn e su Indeed UK sempre in inglese.

 

Come abbiamo visto, ci sono delle professioni, come quelle legate al mondo dell’informatica e del settore sanitario, per le quali è più facile ottenere un permesso di lavoro per il Regno Unito.

Ad ogni modo, queste non sono le uniche, quindi cerca su LinkedIn e su Indeed UK le aziende disposte ad offrire un visto, nonché cerca di capire com’è la situazione nel tuo settore.

 

Non ti fermare alla semplice applicazione.

Scrivi alle aziende dove possibile, invia loro una email in cui spieghi chi sei, le tue potenzialità e come potresti fare la differenza all’interno di essa.

Nel mercato del lavoro londinese questo genere di cose sono ben viste, racconta la tua storia, potresti essere premiato anche se l’azienda dovrà spendere dei soldi per mettere in regola la tua posizione con un visto di lavoro.

 

Requisiti per lavorare nel Regno Unito

I requisiti per lavorare nel Regno Unito sono:

  • essere in possesso di un passaporto in corso di validità
  • avere un livello di inglese certificato minimo B1
  • ottenere un visto di lavoro o un documento simile come il Settled Status.

 

I requisiti per lavorare nel Regno Unito variano di caso in caso, lasciami quindi condividere una risorsa molto utile che ti permetterà di capire meglio la tua situazione.

La prima cosa che puoi fare è controllare sul sito ufficiale del Governo i documenti necessari per lavorare nel Regno Unito.

Si tratta di un servizio gratuito che ti permette di avere tutte le informazioni relative al tuo caso specifico.

 

Il secondo aspetto è l’inglese: non è possibile lavorare a Londra, in Inghilterra e nel Regno Unito senza una buona conoscenza della lingua inglese.

Era difficile prima, quando non c’era bisogno del visto, ora è praticamente impossibile. Infatti, per ottenere un visto per lavorare in UK devi sostenere un esame di inglese che certifichi che hai almeno un livello B1.

Non sono soggette a questa prova le persone che hanno affrontato un percorso universitario in inglese.

Se quest’ultimo non è il tuo caso, puoi preparati per un esame di inglese.

L’azienda che ti farà da sponsor ti offrirà maggiori informazioni a riguardo ma puoi farti un’idea con le linee guida del Governo del Regno Unito sul livello di inglese per ottenere un visto.

 

Lavorare in Inghilterra nel 2024

Lavorare in Inghilterra nel 2024: cosa serve? Le nuove regole per lavorare in Inghilterra sottolineano la necessità di un visto di lavoro per i cittadini stranieri, compresi quindi i cittadini dell’Unione Europea e quelli italiani.

Ovviamente se hai acquisito un permesso speciale per lavorare in questo paese come il Settled Status, un visto permanente o la cittadinanza britannica, la storia è ben diversa (ma molto probabilmente in questo caso non staresti leggendo questo articolo).

 

Ho deciso di aggiungere questo paragrafo per via delle richieste che mi sono arrivate dai diversi lettori che stanno pensando di trasferirsi a vivere in Inghilterra.

Come abbiamo visto, per lavorare in questo paese devi ottenere un visto di lavoro per il Regno Unito, per il quale trovi tutte le indicazioni ai paragrafi sopra.

Nella maggior parte dei casi, chi decide di trasferirsi in UK ha come meta l’Inghilterra e la sua Capitale.

Ad ogni modo, se non stai puntando alla città di Londra, cerca di capire dove vuoi trasferirti a vivere perché farà molto la differenza.

Città come Birmingham, Manchester e Liverpool offrono molte opportunità, ma prima di richiedere il visto devi capire se fanno al caso tuo ed il modo migliore è facendo un sopralluogo in queste metropoli.

Ricorda, non è il tuo conto in banca a trasferirti ma tu.

 

Lavorare a Londra nel 2024

Lavorare a Londra nel 2024: cosa serve? Per lavorare a Londra nel 2024 hai bisogno di un visto di lavoro almeno che non hai acquisito altri tipi di visti permanenti come ad esempio il Settled Status.

La domanda a questo punto può sorgere spontanea: come fare per lavorare a Londra? Per lavorare a Londra hai bisogno di richiedere un visto di lavoro per il Regno Unito come abbiamo visto nei paragrafi sopra.

 

Ho deciso di aggiungere questo paragrafo per via delle tante persone che mi hanno scritto, le quali hanno come meta la City.

Lavoro a Londra da diversi anni e posso dirti che la città è tutt’oggi ricca di opportunità, sicuramente il miglior posto in cui cercare un’azienda disposta ad offrire una possibilità a persone valide come te.

Come prima cosa quindi ti consiglio anche qui di fare un curriculum in inglese, per poi aprire un profilo, sempre in inglese, su LinkedIn e Indeed UK.

Una volta attuati questi ultimi passaggi, comincia ad applicare per quelle posizioni in cui viene offerto il visto.

Sentiti anche libero di mandare una email a queste ultime aziende in cui spieghi chi sei, le tue competenze e il fatto che puoi fare tutta la differenza per la medesima compagnia.

 

Se vuoi conoscere meglio questa città, ho scritto un'intera guida su vivere a Londra nel 2024.

 

Come cercare lavoro a Londra? Questi sono i migliori siti in cui puoi trovare lavoro a Londra con tanto di visto nel 2024:

 

Se hai altre questioni su questa città, controlla sempre la sezione lavoro dell’Ambasciata Italiana a Londra.

 

Arriviamo alla fine di questo articolo con le idee chiare su come lavorare nel Regno Unito, in Inghilterra e nella città di Londra.

Possiamo dirlo, lavorare a Londra post Brexit è molto più complicato ma non impossibile.

Se è quello che vuoi veramente, manda le tue candidature fino a quando non troverai qualcuno disposto ad offrirti un’opportunità.

In questi ultimi anni, ho conosciuto molte persone che ce l’hanno fatta ad ottenere un visto per lavorare in questo territorio.

Ascoltando le loro storie posso dirti che è stata dura per tutti ma non hanno mollato ed oggi sono qui.

Ora tocca a te.

Fammi sapere nei commenti se hai qualche domanda in particolare sulla questione.

A presto

 

Logo della Underground di Londra all'entrata della metropolitana
Photo by Bruno Martins on Unsplash

Lascia un commento

Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy

0 commenti